In 60 secondi FIAT parla al cuore degli Italiani utilizzando tutta la retorica di cui si è mostrata capace fin dal lancio della 500 nel 2007.

Lo spot invita a comprare auto italiane, non tanto per la qualità dei prodotti, quanto per aiutare il progetto industriale del gruppo FIAT.

Insomma, una sorta di “dateci una mano” che cerca di far leva sul senso di appartenenza al paese di tutti noi.

In Italia si sa, certe cose funzionano.

Certo, non funzioneranno in tutte le regioni italiane perché, volendo allinearci alla retorica ed al populismo della marca torinese, si potrebbe chiedere a FIAT come mai l’orgoglio italiano debba essere presente al momento dell’acquisto di un’auto ma non esista affatto nel momento in cui si devono chiudere o ridimensionare stabilimenti produttivi come Termini Imerese e Pomigliano d’Arco.

Ma questa è un’altra storia… o forse no…

Ecco i credits della campagna:

Agenzia Leo Burnett

Direzione creativa Riccardo Robiglio e Paolo Dematteis

Copywriter Julie Carpinelli 

Art director Marco Ontano 

Account director Riccardo Vavalà 

Casa di produzione Filmmaster

Regia Luca Lucini