In principio furono le tette … e nemmeno del tutto mostrate, ma solo accennate.
E’ questa la storia di una campagna locale che, in brevissimo tempo, è diventata nazionale.
Una viral-affissione che ha cominciato a fare scalpore a causa della congestione del traffico procurata in alcune strade di napoli.
Ne parlava Corriere.it l’8 maggio, ripreso subito da parecchie altre testate.
Il successo della campagna si è esteso alla modella Giulia Mango, proprietaria del seno in questione e subito convocata in qualità di ospite in TV.

In merito a tanto clamore Esse si chiede quale sia il segreto per creare una così grande cassa di risonanza per un prodotto, con un investimento -immagino- molto limitato. Forse non basta dire che è merito del sesso che fa sempre vendere, o che tutto dipende dallo “scandalo” che viene provocato ad arte, perchè il mondo è intasato di pubblicità a base di sesso e scandalo che nessuno ormai nota più…
Ci deve essere altro, allora, ma cosa?

Forse la domanda andrebbe girata anche allo Studio Fabris, agenzia che ha curato la creatività in oggetto.
Noi l’abbiamo fatto ed attendiamo una risposta.
Intanto dite pure la vostra.