Lo studio Fabris, interpellato ieri in merito alla campagna TTTLines, ci ha risposto immediatamente per bocca del suo art director Yvonne Fabris.

E’ proprio lei, una donna, l’ideatrice della campagna, che così ci ha risposto:

Per prima cosa vorrei precisare che la campagna pubblicitaria above the line della TTTLines è nazionale ed è stata realizzata con un high-budget.
L’effetto “virale” si è avuto perché la campagna è partita con un’affissione su un’impianto di 80x3mt, di conseguenza le dimensioni del seno sono diventate sproporzionate.

Per di più, posto in un punto nevralgico di traffico stradale, ne ha rallentato il flusso creando dei “disordini” tra gli automobilisti.
Il fatto, ritenuto curioso, è rimbalzato tra i diversi media creandone un caso mediatico a tutto vantaggio della TTTLines.

Per mantenere viva l’attenzione sulla questione, si è pensato di organizzare una conferenza stampa, non solo per motivare la nostra scelta di comunicazione nei confronti dello IAP (Istituto Autodisciplina Pubblicitaria), ma anche per rivelare il “volto” della fotomodella sulla quale si era creata una grossa curiosità (Virale2).

A molti, ha colpito il fatto che l’ideatrice fosse una donna, pensando che la maggior parte della categoria femminile, si potesse offendere per l’ utilizzo del seno.
Spiegare la mia scelta è facile:
i due seni prosperosi, rappresentati nelle fotografie, EVOCANO i due vulcani: il Vesuvio e l’Etna, caratteristici delle regioni che la compagnia di navigazione pubblicizzata collega da anni.
I vulcani sono un simbolo della VITA, distruggono e creano.
I vulcani sono un’ode alla VITA, perchè sono un simulacro di FERTILITA’.

Il seno, come il vulcano, nutre ed accompagna l’esistenza.
Perciò come donna l’ho ritenuto un accostamento lineare e NATURALE.
Il seno femminile è stato omaggiato, perchè esaltato nella sua funzione eterna: sostenere ed accompagnare la vita.

Ringraziamo Yvonne per le dichiarazioni e giriamo a voi eventuali commenti.

CREDITS:
Cliente: Tomasos Transport & Tourism SpA (TTTLines)
Art Director: Yvonne Fabris
Copywriter: Anna Maria Braschi
Responsabile contatto: Silvio Fabris

POST CORRELATI